classactionprocedimentale.it

Class Action Procedimentale

Sito ufficiale della Associazione
"Class Action procedimentale" di Bari

Promuovi le nostre iniziative a tutela del cittadino!
 

Appello per l’apertura di un canale umanitario per il diritto d’asilo europeo
Scritto da Associazione Class Action Procedimentale   
Giovedì 03 Ottobre 2013 18:59

Ai Ministri della Repubblica, ai presidenti delle Camere, alle istituzioni europee, alle organizzazioni internazionali

A cadenza ormai quotidiana la cronaca racconta la tragedia che continua a consumarsi nel mezzo del confine blu: il Mar Mediterraneo.

Proprio in queste ore arriva la notizia di centinaia di cadaveri raccolti in mare, ragazzi, donne e bambini rovesciati in acqua dopo l’incendio scoppiato a bordo di un barcone diretto verso l’Europa.

Si tratta di richiedenti asilo, donne e uomini in fuga da guerra e persecuzioni, così come gli altri inghiottiti da mare nel corso di questi decenni: oltre 20.000. 

Leggi tutto...
 
CIE: Crotone chiude dopo morte immigrato e rivolta
Scritto da Associazione Class Action Procedimentale   
Lunedì 19 Agosto 2013 17:32

 

Si chiamava Moustapha Anaki, era marocchino e aveva 31 anni. È morto in circostanze ancora non chiarite mentre era trattenuto nel Centro di identificazione e di espulsione "Sant'Anna" di Isola Capo Rizzuto, vicino a Crotone. Ufficialmente il decesso è stato causato da un non meglio specificato "malore". L'uomo era recluso nel Cie da circa un mese perché immigrato irregolare in attesa del rimpatrio ed era stato trasferito nel centro calabrese dopo avere scontato una pena nel carcere di Salerno. Si trovava in Italia da sette anni, sempre senza permesso di soggiorno, condizione che dal 2009 anche in Italia costituisce reato, anche se non punito con la detenzione in carcere.

Leggi tutto...
 
LasciateCIEntrare: in coma farmacologico un ragazzo marocchino nel CIE di Gradisca
Scritto da Associazione Class Action Procedimentale   
Venerdì 16 Agosto 2013 12:30

 

Gli ultimi giorni all'interno del CIE di Gradisca sono stati drammatici: la tensione portata agli eccessi ha finito per procurare una tragedia, annunciata. I referenti della campagna LasciateCIEntrare hanno seguito ora per ora tutto quello che è avvenuto da giovedì sera, giorno della fine del Ramadan, festa per la quasi totalità dei cittadini stranieri detenuti e ospiti in un centro dove la negazione dei diritti umani è all'ordine del giorno.

Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Agosto 2013 12:35
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL